CINECLUB INTERNAZIONALE VIDEO ON DEMAND

APPENA APRO GLI OCCHI-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

APPENA APRO GLI OCCHI-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

Il film vincitore del Premio del Pubblico e del Label Europa Cinema alle Giornate degli Autori della Mostra del Cinema di Venezia 2015. Un film opera prima di Leyla Bouzid, sulla conquista della libertà da parte di un gruppo musicale giovanile in Tunisia alla vigilia della rivoluzione.

Guarda il film Leggi la scheda
ERA MEGLIO DOMANI - RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

ERA MEGLIO DOMANI - RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

"Era meglio domani", il film documentario sulla rivoluzione tunisina di Hinde Boujemaa. Selezione ufficiale della Mostra di Venezia 2012. Seguendo una donna per le strade di Tunisi, la regista Hinde Boujemaa realizza un film che ha molta narratività ed emotività. Presentato in Selezione Ufficiale Fuori Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia del 2012 ha ottenuto premi e riconoscimenti in giro per il mondo.

Guarda il film Leggi la scheda
TAHRIR-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

TAHRIR-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

TAHRIR LIBERATION SQUARE Il dramma e la vitalità della rivolta egiziana in un documentario pluripremiato Francia/Italia, 2011, 90’ Cairo, febbraio 2011. Elsayed, Noha, Ahmed sono giovani egiziani e stanno facendo la rivoluzione. Occupano la Piazza notte e giorno, parlano, urlano, cantano insieme ad altre migliaia di egiziani tutto ciò che non hanno mai potuto dire prima a voce alta. Le repressioni sanguinose del regime rinforzano la protesta; a Tahrir si resiste, si impara a discutere e a lanciare pietre, a inventare slogan e a curare i feriti: uno spazio di libertà in cui ci si ubriaca di parole. Tahrir è un film scritto con i volti, le mani, le voci di chi stava in piazza. Nato a Palermo nel 1969, Stefano Savona ha studiato archeologia e antropologia a Roma e Cambridge. Dal 1999 realizza documentari e installazioni video. Il suo primo documentario, Primavera in Kurdistan, prodotto nel 2006 da Arte France, ha vinto il Premio della Giuria Internazionale al Cinéma du Réel di Parigi. Nel 2009 Piombo fuso ha ottenuto il Premio speciale della giuria Cineasti del presente a Locarno. Nel 2010 ha fondato con Penelope Bortoluzzi la Picofilms, società con la quale ha prodotto i suoi lavori successivi, Palazzo delle Aquile (2011, vincitore del Grand Prix di Cinéma du Réel e incluso nel programma dell’Acid di Cannes) e Tahrir Liberation Square, presentato in anteprima a Locarno e al New York Film Festival, uscito nelle sale francesi e vincitore del David di Donatello e del Nastro d’Argento. Regia: Stefano Savona Fotografia: Stefano Savona Montaggio: Penelope Bortoluzzi Montaggio del suono e mix: Jean Mallet Produzione: Penelope Bortoluzzi e Marco Alessi Coproduzione: Picofilms e Dugong Presentato nella sezione Fuori Concorso al Festival di Locarno 2011

Guarda il film
BACK TO THE SQUARE-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

BACK TO THE SQUARE-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

THE BLACK SHEEP Il dilemma di Ausman: rinnegare quello che pensa o combattere per la libertà Italia, 2016, 72’ Ausman ha combattuto per la rivoluzione libica, nonostante fosse un pacifista, convinto di battersi per la libertà e la democrazia. Niente è andato come lui pensava: la violenza e l’estremismo religioso dilagano sempre di più. Oggi si sente uno straniero nel suo paese. In quale mo(n)do potrà trovare un senso di appartenenza? Antonio Martino è nato in un piccolo villaggio della Calabria nel 1977. A Bologna, venticinque anni dopo, ho ottenuto la laurea in D.A.M.S. Cinema.  Nel 2006 ha girato il sup primo documentario utilizzando una piccola telecamera amatoriale: Gara de Nord_copii pe strada, per il quale nel 2007, ha ricevuto il prestigioso Premio Ilaria Alpi. Nel 2013 ha co-fondato la società di produzione Bo Film. Regia: Antonio Martino Musiche: Jan Maio, Jon Griffin, Rebel Devil Montaggio: Antonio Martino Fotografia: Antonio Martino Produzione: Bo Film e Claudio Mazzanti Distribuzione: Bo Film

Guarda il film
DREAM FRAGMENTS-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

DREAM FRAGMENTS-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

DEAR FRAGMENTS Voci, volti e immagini d’archivio riflettono con poesia su un’occasione mancata Francia/Algeria, 2017, 75’ Mentre nel 2011 esplodono le rivolte nel Maghreb, l’Algeria non vive questa primavera politica; una rivolta mancata che la regista documenta chiedendosi come il popolo algerino, forte di un desiderio di libertà e democrazia, abbia mancato questa occasione storica. Un documentario che è una ricca riflessione sulla natura dei movimenti sociali algerini e che mescola con equilibrio interviste a vari attori della società algerina e immagini di archivio sulle contestazioni. Bahia Bencheikh El-Fegoun è nata nel 1977 a Costantinopoli e vive ad Algeri, Geologa di formazione, scopre il cinema nel 2003 e dopo aver lavorato come assistente, partecipa a un lavoratorio di scrittura documentaria agli Atelier Varan di Parigi. Nei suoi lavori si interroga su questioni politiche e sociali dell’oggi. Regia: Bahia Bencheikh El Fegoun Fotografia: Nasser Medikane Suono: Moncef Taleb Montaggio: Caroline Detournay, Sonia Meriem Ahnou, Bahia Bencheikh-El-Fegoun Musiche: Erik Truffaz Quartet Produzione: Allers Retours Films Sales: Allers Retours Films Presentato al DOK.FEST Internationales Dokumentarfilmfestival München nel 2017 

Guarda il film
THE BLACK SHEEP-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

THE BLACK SHEEP-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

THE BLACK SHEEP Il dilemma di Ausman: rinnegare quello che pensa o combattere per la libertà Italia, 2016, 72’ Ausman ha combattuto per la rivoluzione libica, nonostante fosse un pacifista, convinto di battersi per la libertà e la democrazia. Niente è andato come lui pensava: la violenza e l’estremismo religioso dilagano sempre di più. Oggi si sente uno straniero nel suo paese. In quale mo(n)do potrà trovare un senso di appartenenza? Antonio Martino è nato in un piccolo villaggio della Calabria nel 1977. A Bologna, venticinque anni dopo, ho ottenuto la laurea in D.A.M.S. Cinema.  Nel 2006 ha girato il sup primo documentario utilizzando una piccola telecamera amatoriale: Gara de Nord_copii pe strada, per il quale nel 2007, ha ricevuto il prestigioso Premio Ilaria Alpi. Nel 2013 ha co-fondato la società di produzione Bo Film. Regia: Antonio Martino Musiche: Jan Maio, Jon Griffin, Rebel Devil Montaggio: Antonio Martino Fotografia: Antonio Martino Produzione: Bo Film e Claudio Mazzanti Distribuzione: Bo Film

Guarda il film
THEIR FEAST-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

THEIR FEAST-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

THEIR FEAST Lo sguardo coinvolgente di una giovane regista sull’evento che ha cambiato il suo Paese Egitto/Canada/UK/USA, 2012, 20’ Alla vigilia della rivoluzione egiziana, una madre prepara una festa per celebrare il rilascio del figlio più grande dalla prigione. Il figlio più giovane, spedito alla ricerca di quello che manca per festeggiare degnamente, si confronta con le diverse opinioni dei vicini su quello che sta accadendo. Reem Morsi è una regista e sceneggiatrice, diplomata in regia in Inghilterra. Ha diretto numerosi cortometraggi, premiati in vari festival. Reem ha partecipato ai Berlinale Talents del 2012. Attualmente sta lavorando sul suo primo lungometraggio. Regia: Reem Morsi Sceneggiatura: Reem Morsi Fotografia: Elly Nakajima Suono: Tamer El Demerdash Musica: Natali Drosou Cast: Hanan Youseff Produzione: Lousia Lawrence Montaggio: Hany Gamil Aziz Presentato al Toronto International Film Festival 2012

Guarda il film
SILVERED WATER-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

SILVERED WATER-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

EAU ARGENTEE - AUTORITRATTO SIRIANO Un’opera radicale e potente sulla guerra in Siria e l’atto del filmare Siria/Francia, 2014, 92’ Nella Siria di oggi, alcuni YouTubers filmano e muoiono, altri, invece, mentre uccidono riprendono un video. Ossama Mohammed, un regista siriano costretto all’esilio a Parigi, segue le vicende della sua nazione attraverso internet con apprensione. Quando una giovane regista curda di Homs lo contatta chiedendogli “se avessi una videocamera, cosa vorresti filmare?”, sente che è il momento di agire. Tra i due nasce un’amicizia che, dopo aver deciso di collaborare per raccontare al mondo cosa stia succedendo, sfocerà nella creazione di questo duro e appassionante documentario. Ossama Mohammed (Laodicea, Siria, 1954) si è laureato all’Istituto di cinematografia russo VGIK nel 1979. Il suo cortometraggio d’esordio, Step by Step, è stato presentato alla Berlinale e il suo primo lungometraggio di finzione, Stars in Broad Daylight, selezionato alla Quinzaine des réalisateurs di Cannes, è stato vietato nel suo Paese in quanto ritenuto da molti una critica estremamente feroce alla società siriana schiacciata dal pugno di ferro del regime Baath. Impossibilitato a girare film fino al 2002, ha poi diretto in quello stesso anno The Box of Life, selezionato per la sezione Un certain regard di Cannes.  Wiam Simav Bedirxan (Kurdistan) è una regista di documentari originaria di Homs, in Siria. Eau argentée, Syrie autoportrait è il suo primo film. Regia: Ossama Mohammed, Wiam Simav Bedirxan
sceneggiatura: Ossama Mohammed, Wiam Simav Bedirxan
fotografia: Wiam Simav Bedirxan, migliaia di siriani/thousand Syrians, Ossama Mohammed
montaggio: Maïsoun Assad
musica: Noma Omran
suono: Raphaël Girardot
produzione: Les films d’ici, Proaction Film Presentato al Festival di Cannes 2014 

Guarda il film
NO MORE FEAR-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

NO MORE FEAR-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

PLUS JAMAIS PEUR Un’opera corale che racconta lo spirito della rivolta tunisina Tunisia, 2010, 72’ Un’opera corale girata durante i movimenti di contestazione che hanno rovesciato il regime di Ben Ali e che riporta sul grande schermo l’impegno, lo spirito e la militanza di uomini e donne che hanno costruito la rivoluzione.  Mourad Ben Cheikh è nato a Tunisi nel 1964 e vive e lavora tra l’Italia e la Francia. Dopo aver studiato all’Institute of the fine arts (School of Fine Arts) di Tunisi, si è diplomato in discipline dello spettacolo all’università di Bologna. Lavora da anni per cinema e televisione. Regia: Mourad Ben Cheikh Fotografia: Medhi Bouhlel, Lassaad Hajii, Hatem N echi Suono: Mohsen Feriji Montaggio: Imen Abdelbari, Pascale Chavance Musiche: Mohsen Feriji Produzione: Cinétélefilms Sales: KMBO Presentato in Selezione Ufficiale-Proiezione speciale al Festival di Cannes 2011

Guarda il film
SOULEIMA-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

SOULEIMA-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

SULEIMA Un’animazione sorprendente sulla lotta di una donna siriana Libano/Siria, 2014, 15’ Suleima si è unita con convinzione alla rivoluzione Siriana dall’inizio e ha deciso di separarsi dal marito, che disapprovava il suo attivismo. Vulnerabile e forte, continua la sua battaglia civile. Arrestata due volte, dice “preferirei morire che vedere un mio concittadino in difficoltà e non aiutarlo” Jalal Maghout è un regista di animazione e video-artist nato a Damasco e attualmente a Berlino. Il suo primo film Creatures of Inexistence è stato proiettato in numerosi festival in Siria e Libano. Il suo secondo lavoro, Canvas on Mixed Media, ha riscosso enorme successo al Festival di Annecy nel 2004. Maghout continua a lavorare su progetti creativi, cinematografici e musicali. Regia: Jalal Maghout Sceneggiatura: Jalal Maghout Suono: A.w. Team Musica: A.w. Team Produzione: Estaiqazat Project Presentato ad Annecy International Animation Film Festival 2015

Guarda il film
I DON'T SPEAK VERY GOOD I DANCE BETTER-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

I DON'T SPEAK VERY GOOD I DANCE BETTER-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

I DON’T SPEAK VERY GOOD, I DANCE BETTER Un documentario intimo tra confessioni private, attivismo e il destino di un paese Egitto, 2012, 80' 
Dopo la morte del fratello per epatite e alla notizia che anche la sorella è affetta dalla stessa malattia, Maged torna in Egitto nonostante la rivoluzione in atto. Si trova così coinvolto nei movimenti di piazza Tahrir e raccoglie le testimonianze dei manifestanti e dei giornalisti, scoprendo che il venticinque per cento della popolazione è malato di epatite, un dato sapientemente tenuto nascosto per presentare un’immagine positiva del Paese. Nato in Egitto nel 1958, Maged El-Mahedy dopo essersi laureato in filosofia nel 1983 si è trasferito a Roma, dove ha conseguito il diploma presso l’Istituto Nazionale di Cinematografia. Interprete e insegnante di arabo, nel 1996 ha diretto il cortometraggio Ritratto di un giovane immigrato, presentato al 14° Festival internazionale cinema giovani di Torino. Dal 1998 al 2000 è tornato in Egitto per lavorare come direttore di rete, prima di Nile Tv e poi di ArabArt, mentre nel 2002 il suo mediometraggio Salam Viterbo ha partecipato al Festival di Locarno. I Don’t Speak Very Good, I Dance Better (2012) ha vinto il premio come miglior documentario italiano al Torino Film Festival. Nel suo film seguente “Sinestesia Cairo ‘13” Maged ha svelato frammenti della sua identità divisa tra Egitto e Italia. 
Regia: Maged El-Mahedy
Sceneggiatura: Maged El-Mahedy
Fotografia: Maged El-Mahedy
Montaggio Lorenzo Pazzi Suono: Andrea Basti
Cast: Mahmoud Reda, Farida Fahmy, Maged El Mahedy, Pierre Sioufy, Refaat Kamel
Produzione: Neghma Film


Guarda il film
PRISONER AND JAILER-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

PRISONER AND JAILER-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE

PRISONER AND JAILER L’incontro tra due uomini e la storia di un conflitto Libia/Qatar, 2019, 15’ “Prisoner and Jailer” racconta la storia di due libici in contrasto: un funzionario chiave dell’ex regime e una delle figure più importanti del periodo post-rivoluzionario in Libia. Attraverso questi due personaggi, scopriamo le circostanze che circondano uno degli eventi più influenti nella storia moderna libica: il massacro della prigione di Abu Salim. Muhammad Lamin è un regista libico che si è diplomato in regia e sceneggiatura a Tripoli nel 2014. Ha lavorato in numerosi progetti di risveglio politico nel 2011 e lavora su numerosi progetti cinematografici. Regista: Muhannad Lamin Sceneggiatore: Muhannad Lamin Produzione: Muhannad Lamin, Marwa Alnaas Presentato al Carthage Film Festival 2019

Guarda il film
THE SUN'S INCUBATOR-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE-TRILOGIA SIRIANA GRATUITA

THE SUN'S INCUBATOR-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE-TRILOGIA SIRIANA GRATUITA

The Sun's Incubator Siria, 2011, 11’ La figlia del regista nasce mentre nel suo paese scoppia la rivoluzione. L'eccitazione e la speranza nel futuro di una primavera araba appena nata si intrecciano con la morte, l’attivismo e la politica.

Guarda il film
LA DOLCE SIRIA-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE-TRILOGIA SIRIANA GRATUITA

LA DOLCE SIRIA-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE-TRILOGIA SIRIANA GRATUITA

La dolce Siria  Egitto/Emirati Arabi, 2014, 23’ Il regista oppone il circo di Fellini alla brutalità di Assad, la leggerezza delle immagini di morte girate con i cellulari alla pesantezza delle immagini che il cinema prova a ricostruire. Un saggio teorico sul significato dell'immagine al tempo della guerra in real time. Questa risposta satirica alla Dolce Vita mette in luce la difficoltà della vita in Siria.

Guarda il film
KALEIDOSCOPE-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE-TRILOGIA SIRIANA GRATUITA

KALEIDOSCOPE-RASSEGNA RIVOLUZIONI ARABE-TRILOGIA SIRIANA GRATUITA

Kaleidoscope Emirati Arabi/Paesi Bassi, 2015, 20’ Una coppia di amanti - lui fotografo di guerra in Siria e lei attrice a Dubai, entrambi perseguitati dai propri fantasmi - si ritrovano e provano ad amarsi, mentre arrivano gli echi di guerra dal paese natale.

Guarda il film
    info@cineclubinternazionale.eu

    Powered by